Home

Le gioie e i dolori del lavoratore

10 ottobre 2007

Bene, dall’alto della mia esperienza inizio a fare un elenco formativo delle gioie e dei dolori del lavoratore (in prova n.d.r.).

Gioie (iniziamo da queste che siamo positivi!):
– una volta che, alle 18, esci dal lavoro sei fuori. Non devi pensare a nulla che abbia a che fare con pc, fogli excel e intranet
– il venerdì sera ti sembra bellissimo. Non dover lavorare il sabato riempie il venerdì sera di un sapore tutto particolare!
– (dando per premessa la speranza che tu riceva uno stipendio, per quanto minimo) andare il sabato pomeriggio in giro, vedere una cosa, piccola e poco costosa si intende, e poterla comprare dicendo "Me la sto comprando io"
– uscire con una borsetta piccola. Non dover portarsi dietro libri, quaderni e penne varie permette di ridurre notevolmente le dimensioni delle borsette, con grande gioia delle spalle

Dolori (ci sono anche questi, ovvio):
– devi fare la spesa o nella pausa pranzo, che diventa quindi una pausa merendina, oppure dopo. Risultato arrivi al supermercato che non c’è quasi più nulla. Credeteci alle 1830 sono già passate le cavallette
– la mattina ti devi svegliare. Non ci sono mal di testa, stupidaggini e scuse varie che ti permettano più di tanto di rimanere sotto il piumone. Di conseguenza devi andare a dormire relativamente presto, se il giorno successivo vuoi sembrare sveglia e presente
– quando tu lavori gli altri lavorano, quando tu sei libero gli altri sono liberi. Sembra bello, ma in realtà significa che tutti gli uffici, i negozi ecc sono aperti quando tu non puoi e chiusi quando puoi. Cominci a rivalutare le aperture di sabato e domenica che prima difendevi in vista dei diritti dei lavoratori

Questo elenco: non è esaustivo, è nato dopo una sola settimana di lavoro e, chiaramente, è ironico!!!
sonia

3 Responses to “Le gioie e i dolori del lavoratore”

  1. elly77 Says:

    Se penso a tutte le serate e lavorare in pizzeria e bar durante il periodo “da studente”…sabato, domeniche, festività…cioè lavorare quando tutti gli altri sono liberi…beh ora è un sballo in confronto…ma a tutto ci si abitua in fretta…alle gioie e ai dolori..per fortuna o purtroppo!! eheh

  2. Luposordo2 Says:

    Io ho fatto 2 anni di lavoro continuo il week end… Molto meglio lavorare quando gli altri lavorano…

  3. kristiane Says:

    stessi pensieri miei…


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: