Home

Riflessioni davanti ad un articolo – Le adozioni

15 novembre 2007

Oggi leggevo qui. E pensavo che certe situazioni sono impossibili da riassumere in una ricerca sociologica, ma sicuramente sul grande numero, le crifre delle statistiche aiutano a capire certi meccanismi di un fenomeno che se non conosci in prima persona o tramite qualche amico è impossibile capire fino in fondo.
I bambini delle adozioni spesso non vengono trattati come bambini, prima dell’adozione. Sembra che, da parte di quello che Concita De Gregorio chiama il Sistema adozione, l’adozione sia una vera e propria mercanzia. Si chiede ai genitori o futur genitori di pensare in termini di vendo, scelgo, compro.
Ho solo due amiche adottate. In periodi in cui l’adozione non era così frequente. Sinceramente non si è mai parlato di questo, loro stavano con i loro genitori. Il prima non era affrontato e quelli di adesso erano i loro genitori. Anche i ricordi del periodo passato in quell’altrove dell’altra vita non è mai stato argomento di confidenze. I rapporti con i genitori erano ad alti e bassi, forse con qualche più basso del solito.
Ma posso dire una cosa: una di queste ragazze è da poco diventata mamma ed è una mamma bellissima e sorridente. Lei sa ancora più di tutti noi quanto è importante costruire in armonia un rapporto d’amore tra adulti e bambini, tra genitori e figli.
Non so cosa penso dell’adozione, da una parte lo trovo un gesto pieno di generosità, in certi casi trovo delle sfumature di egoismo a volere a tutti costi un bambino e a non essere disponibili ad aiutarli là dove sono. Però sono convinta di una cosa. Bisogna trovarcisi. Altrimenti qualsiasi ragionamento non regge. Il mio prima di tutti.
Certo che però in una situazione così complicata, tesa e problematica per le persone, devono mettersi anche le istituzioni a creare rallentamenti, burocrazie e difficoltà?

sonia

Advertisements

4 Responses to “Riflessioni davanti ad un articolo – Le adozioni”

  1. Luposordo2 Says:

    Io a pelle direi che è meglio avere dei genitori adottivi che rimanere in qualche specie di istituto…


  2. Un amico che lavora per un ONG in Ciad, mi ha scritto che da quelle parti e` scoppiato un enorme scandalo perche` una finta ONG francese avrebbe prelevato 103 bambini per il “mercato” delle adozioni (o per altro, non si sa bene). Non so in Italia, ma qui non si e` sentito nulla di questa storia.
    Zazie


  3. beh io credo checomunque se non ti porti un bimbetto a casa e pensi solo ad iutare un po’ tutti quelli rinchiusi, non e’ poi cosi facile. Sei limitata ad entrare nell’orfanotrofio, vorresti lasciare dei soldi, tramite un bonifico bancario, ma non sempre vanno direttamente a loro…adottare un bimbo e portarselo a casa e’ sempre meglio, gli fai vivere una vita piu’ normale. Io ho un debole per gli orfani, ma sono felice di avere un figlio mio perche’ a volte mi chiedo: non e’ che questi una volta grandi, se li vieti qualcosa ti rispondono:tu non hai il diritto di parlare, non sei mia mamma..
    staro’ anche delirando, ma metto in conto anche cio’.
    Premetto che se non ne avessi avuto di figli miei, avrei avviato anch’io la pratica per l’adozione, perche’ in ogni donna l’istino di maternita’ e’ forte, salvo altri casi, e una casa senza figli non e’ una vera famiglia


  4. Non è difficile andare fuori tema in questi argomenti! Quando si comincia a parlarne il pensiero segue le sensazioni e dopo un po’ non sai quello che scrivi e non sai se quello che pensi è giusto o no.

    @ Lupo: viste poi certe immagini di certi istituti non posso che darti ragione. Per il bambino è meglio, ma quei casi in cui poi un genitore salta fuori? Dove praticamente vengono pagati i bambini perchè le famiglie, affamate, li lascino?

    @ Zazie: appunto. Non lo so ma in queste cose la trasparenza è sempre poca. Alla fine c’è da fidarsi solo se si conosce qualcuno di diretto.

    @ Giovanna: avere dei bambini che consideri figli tuoi ma che biologicamente non lo sono richiede sempre coraggio e rimane sempre una scommessa. Ed aiutare, come abbiamo detto sopra, è sempre difficile perchè no si sa quanto i nostri sforsi arrivini realmente a destinazione.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: