Home

Ultime ore vacanziere – Pagine sparse

6 gennaio 2008

Ebbene sì. Ho già ritirato fuori da sotto la scrivania la mia valigia. Ho già sistemato alcune cose, altre più tardi. Perchè mi sono accorta che, quando la faccio in più tappe, la valigia mi pesa meno. Questa sera, tardi per evitare i treni dei vacanzieri, scendo in pianura. Troverò una casa gelida, con un riscaldamento chiuso da 10 giorni e medito di chiudermi in camera e accendere la stufetta elettrica per tutto il tempo che ci metterò a disfare la valigia e infilarmi in velocità sotto il piumone.

A casa sono stati giorni veloci, come sempre troppo, ma dolci e rilassati. Il camino acceso quasi tutte le sere, un cinema ritagliato una sera, nuovi dolcetti, tante chiacchiere casalinghe e qualche libro.

Ecco sulle mie letture vacanziere sono un po’ scontenta; volevo leggere di più, mi ero portata su dei libri e invece mi sa che li riporto anche in giù! Erano previste la fine de "L’amore ai tempi del colera" e lì ce l’abbiamo fatta, il libro di Paola Caridi "Arabi invisibili" e anche qui è andata bene, invece mi riporto a Bologna "Le correzioni" di Franzen e "Niente sesso in città" di Suad Amiri. In particolare i miei buoni propositi si sono arenati (e devo dire che ne è valsa la pena) su "Le nonne" di Doris Lessing, ricevuto in una scricchiolante e leggera carta color castagna da una amica di cuore e di letture, e sui racconti del numero natalizio di Internazionale.

Insomma letture insolite e non calcolate che hanno lasciato il programma indietro. Ma si recupera veloce come il vento, non appena domani mattina salirò sul 14 in direzione lavoro!

sonia

PS Propositi letterari per l’anno venturo: leggere qualche classico. Vedremo, qualcosa già bolle in pentola ma si merita un post a parte!

Annunci

9 Responses to “Ultime ore vacanziere – Pagine sparse”

  1. Luposordo2 Says:

    Io ho già dato con la casa gelida, ma nel frattempo che disfavo le valigie mi sono riscaldato.
    Per i libri, praticamente ho abbandonato momentaneamente il Don Chischiotte per dedicarmi alla Guerra degli Antò, letto quasi tutto in treno… Buon ritorno in Emilia…

  2. lameringa Says:

    Bella la fine de “L’amore ai tempi del colera”, vero? Io ci piansi per giorni. Ora mi fa un po’ strano che ci facciano il film. Mi dispiace quasi che mi rubino l’immagine che mi sono fatta dei due protagonisti….

  3. utente anonimo Says:

    buon ritorno al lavoro Sonia!!

    io sono in biblio e mi sto addormentando…

    sara

  4. DottorCarlo Says:

    @La meringa: evitalo il film! so per certo che non è riuscito per niente (e tralascio francesismi vari), per cui se lo vedessi magari ti rovineresti l’immaginario libresco (anche se solo per un paio d’ore).

    @Lupo: invece a te il film mi sento di consigliarlo, perché a mio avviso è più divertente e fresco.

  5. Alex_Vr Says:

    che bello “Le correzioni”. M’è piaciuto tantissimo…
    Buon rientro
    🙂


  6. @Lupo: tutta una notte di riscaldamento ha fatto miracoli: dai 13° di ieri sera questa mattina eravamo a 19°! Grazie e buon Emilia uggiosa anche a te! Ci tocca!
    @Meringa: anche io ho sentito parlare male del film e ho deciso di non andare a vederlo. Di certo la faccia di Giovanna Mezzogiorno con i visi e le atmosfere che mi sono ritagliata io non hanno nulla a che fare! Ho iniziato il libro proprio quando ho sentito che usciva il film, così me lo sono goduto senza condizionamenti su visi e ambientazioni!


  7. @Sara: Allora mattinata bibliotecaria! Io pomeriggio tra uscita e cena spero di infilare due negozi. Ho urgenza di un pigiama pesante, viste le temperature di casa mia 😉 e di un po’ di calzini! Niente spese pazze come vedi!
    @Carlo: wow che onore, il nostro critico filmico risponde tra i commenti ai miei post! Ma quale è il film che consigli a Lupo?
    @Alex: dai è bello?!?! Allora appena finisco la Lessing attacco quello. Credo che siano un po’ di pagine e così mi terrà compagnia qualche giorno!

  8. Luposordo2 Says:

    @DottorCarlo

    In genere quando leggo un libro evito di vedere il film dopo perché rimango sempre deluso… Comunque il libro lo trovo divertentissimo, pensa che in treno ridevo da solo e la gente mi prendeva per matto…

    @sonia

    Mi sa che questa botta la Puglia era grigia come l’Emilia…


  9. mi è perso di vederti in un certo negozio francese a fare spese più pazze di quelle che dichiari qui…… forse che non eri tu? 😉
    notte.
    sara


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: