Home

Dalla parte delle bambine bis

8 marzo 2009

Torno su un libro letto recentemente e di cui ho parlato qui, "Dalla parte delle bambine" di Elena Gianini Belotti.

Nel mio commento mi dicevo che tanto, per fortuna era cambiato. E poi ammettevo che tanto c’era ancora comunque da fare.

Ieri mi sono trovata tra le mani l’inserto femminile (?!?!) del Corriere della sera, doverosamente dedicato alle donne in un giorno come quello di oggi. A parte il fatto che non capisco il come un inserto  possa essere femminile o maschile quando in realtà parla di attualità, libri, film e musica e quando vi scrivono firme femminili e maschili miste e quindi quando in realtà è un inserto e basta. E a parte il fatto che non capisco perchè un inserto detto femminile, decida che in occorrenze del 8 marzo debba essere "più femminile" del solito e parlare quindi solo solo di donne e che bello. Ma credete che le donne siano così autoreferenziali?!?! BOH!

Vabbè, digressione a parte torno al mio discorso. A pagina 74 c’è un articolo che sprizza speranza da tutti i pori. Si parla di come il Ruanda si stia risollevando e di come lo stia facendo grazie alle donne. In Ruanda sono donne: il sindaco della capitale, il presidente del parlamento, il capo della polizia ed altre cariche nazionali (ogni paragone che vi sta scattando immediato… beh sappiatelo è scattato anche a me e mi sono sentita male). Un paese con un passato recente così doloroso sta trovando una sua strada innovativa, che va anche contro le tradizioni ancestrali della società ruandese, ma che sta dando i suoi frutti. Un sorriso e una speranza che durano fino a pagina 82.

Il giornale, tra mille pubblicità, avanza fino a pagina 100 dove ogni speranza (per noi) si incrina. Facendo diretto riferimento al titolo della Bellotti, la giornalista si concentra sull’attuale ri-genderizzazione dei giocattoli per i bambini occidentali: esasperazione dei ruoli tradizionali attraverso la proposta alle bambine (dai 3 anni!!!) di giocattoli nettamente rosa, nettamente truccati, nettamente vuoti di valori. La Barbie nel suo passato è stata astronauta, donna in carriera ecc e oggi al massimo è sposa sorridente, casalinga o velina. I giocattoli per bambine che vanno per la maggiore sono (cito l’articolo di Monica Vignale) "trucchi, cosmetici e piegaciglia da usare già a quattro anni".

Paura! Possiamo ristampare e regalare a tutte le mamme, direttamente nei reparti di ostetricia, il libro della Bellotti? E io che mi sostenevo dicendo che per fortuna mi sembrava un po’ superato!

sonia

6 Responses to “Dalla parte delle bambine bis”


  1. Io, sono contro le pari opportunità. Nettamente.
    Se gli uomini la vogliono che dimostrino di meritarla😉
    Leela


  2. A parte che conosco le giornaliste di Io Donna, anche Monica Vignale, e potrei fare un commentino ad hoc, ma mi beccherei una querela, hai super-ragione c’è un’involuzione e ci stiamo/stanno prendendo in giro. Proprio ieri sera cercavo di spiegare alle mie figlie cosa sta succedendo perchè anche tra i maschi dodicenni ci sono già sintomi preoccupanti. E sono super d’accordo con Lorypersempre
    ciao extramamma

  3. mumita Says:

    Io ho un maschietto di 6 mesi e appena sarà in grado d’interagire gli insegnerò il rispetto per donne e uomini, insomma per gli altri in generale..ma guai se qualcuno gli dirà “non fare la femminuccia”, come sento dire spesso da alcuni padri…mi chiedo dove siano finite le conquiste fatte dalle nostre madri..

  4. utente anonimo Says:

    Ciao!
    Come va?
    Baol

  5. giovanotta Says:

    Dalla parte delle bambine è stata una mia pietra miliare per capire tante cose… è che quando eravamo certe che certe cose fossero entrate per sempre nella cultura e nel comune sentire, ci siamo bruscamente risvegliate su una realtà niente affatto “rosea” per le donne..
    Sì, il libro andrebbe regalato alle neomamme e non solo a loro..🙂
    Un saluto


  6. @Leela: io non credo che, biologicamente parlando, abbiano alcuna speranza di riuscirci😉 !
    @Extramamma: ho comprato anche quello della Lipparini ora, giusto per aggiornare la disperazione!
    @Mumita: sarà bravissimo e fortunate quelle che lo consceranno, ne sono sicura!
    @Baol: wow!! Redivivo😉 ! Bene grazie e tu? Resisti a Milano?
    @Giovanotta: una mia amica l’ha regalato ad una neomamma tre ore dopo il parto, manco avesse letto il tuo commento!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: