Home

Se niente importa – Safran Foer

19 gennaio 2011

Ho finito oggi "Se niente importa" di Safran Foer. L'ho trovato molto equilibrato e, per un testo dedicato ad un tema su cui ad essere equilibrati non sono poi in molti, non è poco. Non è una difesa ad oltranza del vegetarianesimo, vuole piuttosto essere una presentazione il più razionale e documentata possibile della realtà dell'allevamento in America così come è oggi, dove intensivo è un aggettivo leggero per definirlo. Da noi è leggermente diverso, e l'ammette anche l'autore, la legislazione europea è più restrittiva e  ancora più diverso in generale qua in Trentino (parlo di questo, perchè lo so, ma ho sentito di situazioni analoghe in Umbria e in Emilia Romagna perchè lì ho amici con cui ho parlato di questo) dove le fattorie a gestione familiare, così come il contadino che produce uova  ancora ci sono. E dove è possibile, per chi ha un po' di attenzione, avere un contatto diretto con un allevamento vecchio stampo, che pare invece essere quasi scomparso dal mondo statunitense.
In più devo dire che sembra rivolgersi ad un target di consumatori della carne anch'esso intensivo, probabilmente molto americano o che, almeno a me che mangio la carne una o due volte alla settimana e spesso quella dal contadino, risulta molto lontano.
Posso però anche ammettere che non solo fa molto pensare, ma fa anche pensare che tutti questi discorsi qua sopra siano delle scuse che mi auto-do per convincermi che il mio regime alimentare come è ora va bene.

3 Responses to “Se niente importa – Safran Foer”


  1. Penso che potrebbe essere molto interessante per ma, considerato il mio lavoro.
    Anche se penso che lo leggerò quando sarò in vena, perchè un libro così richiede una buona "predisposizione psicologica"😉

    Aerie


  2. @Aerie: però devo dire che è molto scorrevole, non noioso e anche se è chiaramente un saggio si vede dietro la mano di Foer che è chiaramente un romanziere


  3. Intendevo dire che l'argomento è piuttosto "pesante", non è bello sapere come vengono trattati i poveri animali nella industria alimentare.
    Non voglio immaginare cosa succede in America😦

    Per questo intendevo che bisogna leggerlo nel momento giusto😉
    Cmq, l'ho aggiunto alla mia wishlist

    Aerie


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: